Dolomia e alpeggi

Dolomia e alpeggi

Da Primavera inoltrata fino al tardo Autunno, le Dolomiti sono tutte da scoprire, attraverso innumerevoli sentieri, passeggiate a piedi, a cavallo o in bici, ferrate in parete o itinerari in alta quota tra boschi e pendii erbosi.

Scoprila a modo tuo: puoi richiedere una Guida Alpina o intraprendere uno dei sentieri ben segnalati, qui te ne suggeriamo alcuni, chiedi info alla Reception, potremo aiutarti e darti qualche informazione in più!

Val Venegia 

Con uno degli Autobus di Trentino Trasporti si raggiunge Passo Rolle e poi il parcheggio del Pian dei Casoni, all’imbocco della Val Venegia. Da qui una tranquilla passeggiata conduce alla tipica Malga Venegia in pochi minuti, o proseguendo lungo l’incantevole vallata, seguendo il piccolo ruscello del Travignolo si arriva in circa 30 minuti a Malga Venegiota. Risalendo la vallata lungo il pendio erboso si raggiunge il pian della Vezzana, e si prosegue su strada sterrata fino a Baita Segantini, a Passo Rolle. Un itinerario tranquillo che permette di ammirare da vicino gli straordinari massicci del Cimon della Pala, la cima Vezzana, e le cime del Focobon, dei Bureloni e del Mulaz, e che può essere effettuato anche in senso inverso (da Passo Rolle, dalla Baita Segantini si scende verso la Malga Venegiota e si prosegue fino a Malga Venegia).

Laghetti di Colbricon 

Un itinerario poco impegnativo che consente di raggiungere un piccolo paradiso, dove rinfrescarsi a riva di due laghetti alpini accanto al piccolo Rifugio omonimo. Si raggiunge Malga Rolle, poco dopo l’omonimo Passo; da qui, si attraversa la strada e si raggiunge la stazione degli impianti di risalita, imboccando il sentiero di destra, segnalato da un ponticello. In circa 30 minuti si raggiunge, attraverso un comodo percorso in parte nel bosco, il Rifugio Colbricon. Si può rientrare seguendo lo stesso percorso, o scendere verso Ces con un sentiero un po’ più impegnativo che in circa un’ora consente di ritornare a San Martino, proseguendo lungo i pendii erbosi delle piste da sci. Una volta giunti a Malga Ces, si prosegue verso San Martino sulla strada forestale.

Pale di San Martino 

Puoi comodamente raggiungere l’Altopiano della Rosetta e l’omonimo Rifugio con la cabinovia Colverde e poi in pochi minuti con la Funivia Rosetta, oppure seguire il sentiero che parte alla base della cabinovia. Una volta giunti sull’Altopiano, gli itinerari sono moltissimi, dai percorsi più impegnativi verso i Rifugi Mulaz, Pradidali o Velo della Madonna fino alle passeggiate nei dintorni. Scopri qui i Rifugi delle Pale di San Martino e  tutti gli itinerari possibili!

Val Canali 

Raggiungibile dall’altopiano delle Pale con un percorso lungo ma di media difficoltà, o con l’autobus che da Fiera di Primiero conduce a Villa Welsperg, la Val Canali è un piccolo paradiso ai piedi delle Pale di San Martino, punto di partenza per molte passeggiate nel verde ed escursioni poco impegnative. Il centro visitatori del Parco Naturale Paneveggio Pale di San Martino offre innumerevoli attività, laboratori e percorsi alla scoperta della biodiversità locale, mentre il Rifugio Treviso Canali è raggiungibile con un trekking di circa 50 minuti, mentre il Rifugio Pradidali dista circa 3 ore di cammino dal Ristorante la Ritonda.